Quando si può parlare di un vero attacco di panico?

Identificare un attacco di panico

Attacco di panico è un termine utilizzato molto ampiamente per nominare una reazione di ansia. Senti un sacco di gente dire cose come, quando sono in giro i cani, ho un attacco di panico. Probabilmente però in quei casi quello che si ha in quel momento è una forte ansia, ma non è un vero e proprio attacco di panico.

Identificare un vero attacco di panico

Un vero attacco di panico si verifica quando avvengono sintomi fisici improvvisi e gravi: cuore accelerato, sudorazione, tremori, vertigini, mancanza di respiro, nausea; e si interpreta che qualcosa di terribile stia per succedere. La gente spesso pensa che stia morendo o impazzendo. Improvvisamente, c’è questa esplosione di sintomi fisici che sono davvero forti. Molte volte, la gente pensa di avere un attacco di cuore e va al pronto soccorso. Salvo scoprire da li a poco di essere “soltanto” vittima di un attacco di panico.

Quanto potrebbe durare?

Quello che stai vivendo durante un attacco di panico è il sistema di allarme del tuo corpo, che è allerta per prepararti fisicamente a gestire un’emergenza, e si attiva senza una vera minaccia. Gli attacchi di panico di solito picco a 10 minuti e diminuiscono di circa mezz’ora. Tuttavia, alcune persone segnalano che si verificano sintomi su base continuativa. La moderna psichiatria non ha una risposta univoca per quanto riguarda la probabile durata di un attacco di panico.

Attacco di panico o disturbo compulsivo?

Un attacco di panico diventa qualcosa chiamato disturbo compulsivo di panico quando una persona si preoccupa così tanto di avere un altro attacco, che inizia ad evitare luoghi o situazioni che associa con gli attacchi. Non tutti coloro che hanno un singolo attacco di panico sviluppano poi un disturbo completo. Alcuni hanno l’esperienza, ma la respingono come un’aberrazione imbarazzante che sperano non accadrà mai più. Ma in qualcuno che è predisposto a disturbi d’ansia, il percorso nel cervello che valuta le minacce può essere iperattivo. Evitare un altro attacco diventa una priorità assoluta.

Esercizi per curare gli attacchi di panico

Invece di tollerare semplicemente l’ansia e aspettare che finisca, alla persona viene insegnato a fare tecniche di respirazione profonda, per calmare i sintomi fisici.  Man mano che la paura degli attacchi si attenua, gli attacchi stessi diventano meno gravi e meno frequenti. La persona è anche pronta per iniziare ad avventurarsi in situazioni del mondo reale associate ai loro attacchi di panico. “Ora possono andare in autobus, metropolitane o al cinema, ovunque abbiano evitato di andare, sapendo che se hanno un attacco di panico hanno un modo per affrontarlo e controllarlo.

Cerca sostegno sociale

Cercate sostegno sociale. Parlare con altri che soffrono di attacchi di panico ti aiuterà a controllare la tua condizione e ti permetterà di accedere a risorse utili per gestire gli attacchi di panico. I membri di questi gruppi condividono i loro risultati e le loro strategie per farne fronte e gestire la paura. Si possono anche trovare professionisti con esperienza in attacchi di panico che sono disposti a parlare con voi alle riunioni.

Concentrati e osserva le tue emozioni

Concentrarsi e osservare la sensazione di ansia o panico. Una volta che ti rendi conto che non c’è nessun pericolo “reale”, puoi concentrarti sull’esperienza del momento. Invece di sentirsi terrorizzati, diventa un osservatore oggettivo di ciò che senti. Percepisci le sensazioni e i sentimenti che ti invadono. Se “osservi” quei sentimenti invece di “combatterli”, riduci il livello di stress e conflitto mentale invece di aumentarlo.

Riconoscere le cause scatenanti

Riconosci le cause scatenanti. Quando una persona ha avuto un attacco di panico, è molto probabile che un altro emergerà, perché la mente può reagire alle cause che hanno scatenato l’attacco originale. Ad esempio, il tuo primo attacco potrebbe essere avvenuto mentre guidavi. L’atto di guidare però, non era necessariamente la vera causa; molto probabilmente, lo stress si era sviluppato nel corso del tempo.

Tuttavia, la tua mente ricorda che stavi guidando al momento dell’attacco e quindi si riferisce a entrambi. Quindi, l’atto di guidare diventa un “innesco” del prossimo attacco. A meno che tu riconosca che non necessariamente avrai un attacco di panico ogni volta che guidi!

La tecnica di rilassamento muscolare

Rilassa i muscoli. La tecnica di rilassamento muscolare progressivo consente di imparare a controllare deliberatamente il rilassamento muscolare in tutto il corpo. Questo esercizio è molto utile durante i periodi di intensa ansia o stress. Questa tecnica può ridurre e non poco, il rischio di un attacco di panico.

Integratore naturale, Kampo

Fai una ricerca sulla medicina kampo. Prima di provare qualsiasi rimedi a base di erbe, consultare un medico per quanto riguarda gli effetti collaterali e se ci sono interazioni con altri farmaci che si prendono oggi. Kami-shoyo-san e hange-koboku-to, farmaci si sono dimostrati efficaci per alleviare gli attacchi di panico e l’ansia.

Inositol, aiuta a controllare l’ansia

Prendere in considerazione l’assunzione di inositol. Inositolo è un integratore di carboidrati che viene fornito nella forma di polvere. Offre alti benefici per le persone che soffrono di attacchi di panico. Non dimenticare di consultare un medico prima di prenderlo.

Esegui regolari esercizi fisici

Impegnarsi a seguire un regime di esercizio. Esercizi fisici (soprattutto esercizi cardiovascolari) hanno dimostrato di diminuire gli attacchi di panico e l’ansia. L’esercizio serve come sfogo per liberare fisicamente la tensione, che a sua volta consente di liberare le emozioni.

Regola il ciclo del sonno

Regolare il ciclo del sonno. Le persone che soffrono di attacchi di panico spesso hanno difficoltà a dormire. L’ansia contribuisce a difficoltà ad addormentarsi e svegliarsi più volte durante la notte. Considera la possibilità di prendere regolarmente una compressa di Melatonina ogni sera prima di andare al letto.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *