Combattere le allergie dovute alla ambrosia trifida

La ambrosia trifida

In questo articolo vedremo come grazie alla ambrosia trifida, il divertimento estivo può diventare la sfortuna dell’autunno per milioni di persone con rinite allergica stagionale (febbre da fieno). Gli starnuti o scarichi nasali, prurito agli occhi, naso e gola (o peggioramento dei sintomi di asma) sono comuni in quelle persone con febbre da fieno non diagnosticata o mal trattata.

Attenzione al polline della ambrosia trifida

Il principale colpevole per le allergie autunnali è il polline di ambrosia trifida. Le piante di ambrosia vivono solo per un po’, ma il loro potere è enorme. Una singola pianta può produrre fino a un miliardo di granelli di polline. Questi granelli sono molto leggeri e galleggiano nell’aria con facilità.

I mesi peggiori per l’allergia vanno da Agosto a Ottobre

I sintomi di allergia autunnale iniziano a metà agosto e durano fino alla fine di settembre. Tuttavia, in molte aree del paese questi sintomi iniziano ora all’inizio di agosto e si estendono fino alla fine di ottobre. Alcuni studi suggeriscono che temperature più elevate e livelli più elevati di anidride carbonica contribuiscono a tempi di crescita più lunghi per le piante che producono allergeni.

Come si produce la allergia

Le allergie si verificano quando il sistema immunitario tratta l’allergene, in questo caso l’ambrosia trifida, come un invasore esterno. Questo provoca una reazione chimica che produce e invia istamina in tutto il flusso sanguigno. Queste sostanze chimiche producono lo sviluppo di sintomi di allergia.

Una diagnosi appropriata è il primo passo nella gestione dei sintomi. L’allergologo farà un esame fisico, chiederà la tua storia medica ed eseguirà valutazioni allergiche per determinare esattamente a cosa non sei allergico. Mentre non esiste una cura, l’allergia all’ambrosia può essere trattata per migliorare la qualità della vita.

Rivolgetevi al’ASL per i livelli di polline

Il miglior controllo è quello di evitare il contatto con il polline. Questo può essere difficile, ma basta avere l’accortezza di non visitare probabili zone infestate da questa pianta. Potete rivolgervi alla vostra ASL di zona che sicuramente monitora i livelli di polline a livello regionale in modo da poter sapere quando evitare di rimanere all’aperto a lungo.

Parlare con il medico di farmaci che possono temporaneamente alleviare i sintomi. L’allergologo/immunologo può anche raccomandare il trattamento di immunoterapia (vaccini allergici) o le pillole di immunoterapia sublinguale. Questo trattamento prolungato può ridurre significativamente la frequenza e la gravità dei sintomi causati da rinite allergica.

Metodi per combattere l’allergia

Il metodo più raccomandato è il vaccino, che può essere iniettato sotto la pelle o preso sotto la lingua e dovrebbe essere somministrato 3 mesi prima dell’inizio dell’impollinazione. In alternativa ci sono antistaminici classici e cortisone. Se si desidera optare per rimedi naturali, ci sono soluzioni omeopatiche, minerali o fitoterapiche sul mercato.

Tra questi minerali ci sono composti a base di manganese, rame e zinco, tra quelle fitoterapiche si segnalano olio di ribes nero, olio di Perilla, composti a base di ribes nero e di Viburnum lantana . Nei casi non particolarmente gravi si può anche provare con l’agopuntura. E ‘sempre meglio provare i metodi più miti e consultare un medico se i trattamenti scelti non hanno l’effetto desiderato.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *