Ricette per bambini inappetenti

Ti sceliamo le ricette per bambini inappetenti

Capita a 8 genitori su 10 di avere a che fare con i figli piccoli che si rifiutano di mangiare. Alcuni bambini sono proprio inappetenti e non collaborano all’ora di pranzo, a prescindere dalle prelibatezze che li mettiate davanti. Altri  bimbi invece, all’ora di alimentarsi, non ne vogliono sapere di mangiare frutta o verdura.

I genitori che comprendono la necessità di impartire una sana educazione alimentare ai loro figli, davanti a queste situazioni si trovano disarmati. Le domande a questo punto sorgono spontanee. Che cosa posso fare?, Esistono delle ricette per bambini inappetenti?

L’opinione dei pediatri

La maggioranza dei pediatri coincidono nel affermare che se il rifiuto al cibo si presenta in tenerissima età, e cioè entro i primi due anni di vita, è del tutto normale.  Il piccolo inizia a percepire sé stesso e a costruire la sua identità. Il rifiuto del cibo, sempre stando ai pediatri, fa parte della costruzione della sua identità. Infatti loro consigliano di lasciarli fare. Ma il lasciarli fare diciamo noi genitori, deve avere un limite.

Bambini tra i 6 e i 7 anni

Se i bimbi hanno già tra i sei e i sette anni, la cosa cambia e acquisisce altri risvolti più preoccupanti. Molti genitori risolvono il problema del loro rifiuto a mangiare con la pizza, l’hamburger o la classica cotoletta con le patatine fritte. Per poi lamentarsi, magari, dell’obesità infantile. Non bisogna mai farsi tiranneggiare dai propri figli in materia di alimenti. Trasmettere una cultura alimentare salutare ai piccoli, può essere la miglior eredità che possiamo mai lasciare loro!

Ricette per bambini inappetenti

I bambini inappetenti, sono di 2 tipologie. Quelli che rifiutano ogni tipo di cibo, oppure quelli che non vogliono frutta e verdura. Il miglior consiglio che vi possiamo dare in entrambi i casi, è quello di cercare di convincere il bimbo di mangiare gli alimenti corretti ma senza insistere troppo.

Più insistete e più crescerà il loro rifiuto. Da scartare tutti i tipi di ricatti a castighi vari. “Se non mangi questo, non vai a giocare” non funziona. Senza perdere la calma è meglio dire: bene, quando ti verrà fame mangerai, e ritirare il piatto dal tavolo. Vedrete che sarà lui o lei stessa poi a chiedervi da mangiare.

Ricette per bambini inappetenti. La psicologia

Per essere degne di essere chiamate ricette per bambini inappetenti, il primo ingrediente deve essere la psicologia! Vi diamo qualche spunto. Supponiamo che i vostri piccoli rifiutano frutta e verdura. La soluzione come abbiamo accennato non sta nel rimpinzarli di hamburger e patatine, e piangere più tardi per la loro obesità.

Vi lanciamo qualche idea: preparate delle melanzane impanate al fornopatate in tutte le salse, spiedini di verdurepannocchie bollite o arrostite, insalate miste con pomodori e carote e non semplicemente verdi. Fate in modo che i piatti vegetali siano belli colorati e non soltanto verdi. Ai bimbi piacciono i colori! Tenete poi a mente questi quattro punti:

Bambini inappetenti. Stuzzicate la loro fantasia
  1. Non riempire mai il piatto di cibo. Per un bambino inappetente bastano 2 cucchiai di minestra per saziarsi. Cerchiamo di favorire cibi poco elaborati, variegati e in quantità ridotte. Si fa sempre in tempo ad aggiungere
  2. Cercare di portare in tavola piatti appetitosi e gradevoli alla vista. In fondo anche l’occhio vuole la sua parte
  3. Facciamo cucinare i bambini insieme a noi genitori in modo da favorire la curiosità e il senso di competenza dei più piccoli
  4. Se possiamo curiamo un orto con i bambini in modo da far capire loro la filiera degli alimenti
Ricette per bambini inappetenti, la disciplina

Senza sbordare nella tirannia, fate capire ai bimbi che c’è un’orario preciso per mangiare. Sarà solo per il loro bene. Lasciarli mangiare in modo sregolato, non farà altro che accrescere la loro ribellione e il loro rapporto problematico con il cibo. Inoltre il bambino inappetente deve rispettare gli orari dei 5 pasti quotidiani (colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena)

Se mangia fuori pasto, non riesce mai a percepire bene il senso di fame. Sopratutto ci va molta, ma molta pazienza e perseveranza. Vedrete che quando saranno adulti, ve ne saranno grati per averli educati ad una alimentazione sana ed equilibrata.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *