Ginkgo biloba benefici e utilizzo

Le foglie di Ginkgo biloba contengono flavonoidi (quercetolo, kenferolo, ecc.), lattoni terpene (ginkgoli) e fitosteroli. Hanno effetti venotonici più evidenti, agendo come neuro protettivi, vasodilatatori a livello periferico, antiplacca, anti emorroidale, diuretiche e antiossidanti.

Ginkgo biloba benefici

Nella medicina tradizionale cinese, i semi di ginkgo sono stati presi per combattere gli attacchi ematici e la bronchite, come l’antiallergico, per trattare l’incontinenza urinaria, l’enuresi infantile, l’infiammazione della vescica, il mughetto vaginale e come tonico renale. E le foglie sono state destinate ad alleviare i disturbi della circolazione, infiammazioni reumatiche e problemi della pelle.

Il Ginkgo si rivela come uno dei rimedi in fitoterapia e omeopatia più comunemente usati per trattare i disturbi associati a deficit di circolazione sanguigna a livello del cervello, ma non c’è in tutti i casi l’unanimità scientifica circa i suoi benefici.

Ginkgo biloba capsule benefici

Il dolore e la pesantezza delle gambe causati da una carenza nel flusso circolatorio degli arti inferiori noti come claudicazione intermittente, sofferto da molte persone, soprattutto nella maturità e nella vecchiaia, ma anche nelle persone obese, sedentari o con disturbi della circolazione sanguigna. Può essere molto limitante e causare molto dolore e disagio a coloro che ne soffrono. Ginkgo si è dimostrato efficace nel alleviare i sintomi e ridurre il disagio quando assunto in trattamenti prolungati e sistematici.

Aiuta la regolare circolazione del sangue

Sensazioni di vertigini, vertigini occasionali ed episodi di emicrania, legati a una diminuzione dell’afflusso di sangue a livello cerebrale, possono anche essere combattuti con trattamenti a base di Ginkgo biloba. I disturbi venosi associati alla scarsa circolazione sanguigna, come le vene varicose e le emorroidi, trovano in queste foglie una soluzione facile da preparare, per via orale, o sotto forma di bagni molto confortanti, ma gli esperti consigliano di associarlo a ad altre piante che superano l’efficienza come castagne, o rusco.

Previene le embolie

È stato indicato per la prevenzione di episodi tromboembolici, arteriosclerosi e ictus, per avere effetti vasodilatatori e antiossidanti, che agiscono sul meccanismo vascolare. Può essere un grande aiuto per facilitare il recupero per le persone che hanno sofferto di questo tipo di incidente vascolare. La forma più efficace in cui il ginkgo biloba si presenta è come integratore in compresse.

Migliora la memoria

Può contribuire a migliorare la memoria e la capacità di concentrazione, un punto su cui non c’è più tanto consenso e che in alcuni forum è considerato carente di veridicità scientifica. Estratti da questa pianta può migliorare l’afflusso di sangue a livello del cervello fino al 9%, confrontandoli in efficacia con molti farmaci che hanno lo stesso scopo. Secondo gli esperti, sono necessari trattamenti a lungo termine per dare loro risultati significativi.

Consigliato contro gli acufeni

La percezione di squilli o suoni nelle orecchie o acufene sono trattati anche con estratti di Ginkgo, soprattutto quando questo disturbo è legato a problemi vascolari. Ginkgo fornisce la piena forza del suo effetto vasodilatatore.

Combatte la depressione

È anche prescritto per il trattamento di processi depressivi non profondi nelle persone anziane. Questi processi possono in molti casi essere associati con l’insufficienza cerebrale e una riduzione dei recettori della serotonina. Che è un neurotrasmettitore – nelle cellule nervose nel cervello. Quindi si ritiene che Ginkgo può aiutare a combattere la depressione quando ci sono alterazioni legate all’invecchiamento.

Ideale contro il mal di montagna

Per il mal di montagna, che soffrono molte persone ad altitudini superiori ai 2.500 metri. E si manifesta con mal di testa acuto, vertigini, instabilità, ecc. È consigliato prendere il ginkgo biloba in compresse. Perdita di memoria in pazienti con sindrome di Down. Sono condotte prove di laboratorio, ma c’è ancora molta strada da fare.

Utilizzi sperimentali

Trattamento di supporto nel cancro gastrico. L’estratto di esocarpo (copertura esterna) del seme di Ginkgo è testato per fermare i tumori maligni del tratto superiore del sistema digestivo. Ma su questo aspetto sono necessari ulteriori studi, per poterlo presentare come valida alternativa. Trattamento di supporto Glaucoma. Ginkgo può promuovere il flusso sanguigno negli occhi e la pressione intraoculare, ma ancora una volta questa è una ricerca preliminare.

Leave a Reply