Dieta Mediterranea. Un segreto di longevità

Il segreto della Dieta Mediterranea

La dieta mediterranea, viene considerata dall’organizzazione mondiale della salute, una delle diete alimentari, più sana in assoluto. Ma non è l’unica dieta salutare. Oggi ne prenderemo in esame tre diete alimentari, tutte ottime per la nostra salute

Mangiare sano, insieme con attenzione alla prevenzione e movimento costante, è uno dei pilastri di una vita sana.

Tuttavia, non è sempre facile identificare gli alimenti che sono buoni per noi, la cottura più adatta. L’equilibrio fra i carboidrati, le proteine, i grassi e le vitamine che rendono la nostra dieta sana.

Fortunatamente, ci sono tre modelli di cibo definito dagli esperti come il più sano del mondo, da cui possiamo trarre tanti insegnamenti e idee. Questi sono la dieta mediterranea, nordica e di Okinawa. Vediamo di cosa si tratta e perché sono così importanti per essere in forma.

La dieta Mediterranea

Quando parliamo della dieta mediterranea ci riferiamo al regime alimentare seguito nei paesi limitrofi del Mar Mediterraneo e, in particolare, in Italia, Spagna e Grecia. In questi settori, particolare enfasi è posta sulla stagionalità degli alimenti, sulla tradizionalità dei preparati e sulla prevalenza dei prodotti locali nelle importazioni.

La dieta mediterranea come regime alimentare caratterizzato da abbondanti consumi di ortaggi, frutta fresca e secca, legumi e cereali non raffinati. Comprende quantità ridotte di carne e derivati, nonché prodotti lattiero-caseari ad eccezione dei formaggi A Lunga stagionatura. Il consumo di alcol è un retaggio del “Simposio” greco, ma è generalmente confinato durante i pasti e tende a preferire il vino prodotto localmente ad altri spiriti.

Benefici della dieta Mediterranea

I primi studi sui benefici di una dieta sana come quella seguita nel Mediterraneo sono stati pubblicati nei primi anni 1950 da Ancel Keys e il suo team. In particolare, è emerso che il basso livello di grassi saturi in questo tipo di dieta potrebbe spiegare la bassa incidenza della malattia coronarica nella zona.

Altre indagini, come sacchi e Willis pubblicati sul New England Journal of Medicn nel 1991, hanno dimostrato che l’impatto positivo sulla nostra salute della dieta mediterranea non finisce qui.

Infatti è stata identificata una correlazione tra questa dieta e una riduzione della mortalità, il rischio di ictus e, in generale, i problemi legati al cuore e al sistema cardiovascolare come il diabete e l’obesità.

Inoltre, alcuni studi recenti segnalati da Antonia Trichopoulou nella rivista medica MBC nel 2014 suggeriscono che la dieta mediterranea svolge un importante ruolo preventivo in relazione ad alcune forme di cancro. Tra gli altri, il cancro al seno o il cancro del colon Rettale.

I benefici coinvolgono anche il cervello: i medici e ricercatori, infatti, suggeriscono che il sano cibo Mediterraneo ha un ruolo reale nel prevenire le malattie neurologiche come il morbo di Alzheimer.

La dieta Nordica

Un secondo modello di sana alimentazione legata ad una zona ben definita è quello della cosiddetta dieta nordica. In questo caso ci riferiamo ad una dieta basata sul cibo prodotto nei paesi del Nord Europa.

E’ in grado di migliorare il profilo lipidico del corpo e la sensibilità all’insulina, per abbassare la pressione arteriosa e ridurre il peso corporeo.

Tra i cibi più diffusi ci sono cereali, frutta, verdura, uova, olio e pesce di vario tipo, mentre la carne, i formaggi, i dolci e i liquori sono raramente serviti.

Rispetto alla dieta mediterranea, l’olio di colza è utilizzato nella dieta Nordica, piuttosto che l’olio d’oliva, per motivi geografici e climatici.

Perché fa bene?

Come nel caso della dieta mediterranea, la dieta Nordica è considerata particolarmente salutare perché, in generale, tende a far prevalere gli alimenti di origine vegetale a quelli di origine animale.

Un recente studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition ha dimostrato che questa dieta ha un impatto sui geni del grasso addominale: infatti, estingue i geni legati all’infiammazione del ventre.

Inoltre, è stato dimostrato che a seguito della dieta nordica una persona perde peso e riduce il rischio di avere il diabete di tipo 2.

Infine, i ricercatori sottolineano che questa dieta ha anche un impatto positivo sull’ambiente, in quanto tende a preferire il cibo non importato e promuove una riduzione della produzione di carne.

La dieta Okinawa

La terza dieta considerata una delle più sane del mondo proviene direttamente dal Giappone. Infatti, i ricercatori, attratti dalla longevità della popolazione, hanno optato per analizzare e capire quali fattori alimentari erano alla base della salute della popolazione.

In particolare, la dieta è stata studiata seguita da pescatori che hanno abitato la povera isola di Okinawa prima della seconda guerra mondiale.

Così è emerso che la dieta di Okinawa è un regime alimentare di basso contenuto calorico, ma molto nutriente. I piatti sono ricchi di frutta e verdura come le patate dolci. Si mangia, come in molte zone dell’Asia, molto riso, ma in quantità minore del resto del Giappone.

Proprio come la dieta di Okinawa non è ricca di pesce, ma piuttosto di cibo come zucca amara, tofu e salsa di soia.

I benefici del cibo sano giapponese

Il primo elemento benefico relativo alla dieta Okinawa, come anticipato, è la longevità: infatti, il basso contenuto calorico, potrebbe, nel lungo periodo, aiutare il corpo rimanere in buona salute il più a lungo possibile.

L’isola rimane il luogo del mondo con la più alta densità di centenari e i ricercatori sottolineano che coloro che ancora si nutrono oggi seguendo la tradizione alimentare del posto, sono i protagonisti di ciò che viene chiamato “Slow invecchiamento “, senza malattie o Forme di disabilità.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *