La dieta dissociata. Funziona?

La dieta dissociata funziona?

Abbiamo parlato di diverse diete su Vitasalutare, ad esempio tra le più celebri, la dieta mediterranea, la dieta okinawa, ecc, ma una delle diete più ricercate di sempre è la dieta dissociata. Probabilmente la dieta dissociata si colloca al top delle più ricercate dovuto alla sua nomea. Viene annoverata tra le diete cosiddette miracolose. Ma quanto può essere vero che questa dieta sia miracolosa? Scoprilo a continuazione.

Come funziona la dieta dissociata?

Le diete dissociate, anche se possono avere molte varianti, si basano sul discriminare o non associare diversi alimenti. Non miscelano nutrienti dal cibo sulla base del fatto che il nostro corpo non è preparato a digerire e metabolizzare correttamente carboidrati e proteine allo stesso tempo, quindi che la loro assunzione insieme può farci ingrassare.

Divide il cibo in tre gruppi
  • Glucidi: si tratta di alimenti ricchi di carboidrati principalmente, come cereali, legumi, farine e derivati, patate, dolci e cioccolatini.
  • Proteine: Carne, frutti di mare, uova e latticini sono inclusi in questo gruppo perché offrono proteine nella maggior parte.
  • Neutri: alimenti in cui non predominano né carboidrati né proteine, come oli vegetali, burro e varie verdure.
Cosa dice la scienza?

Ha senso separare i carboidrati dalle proteine? Cosa dice la scienza sulla dieta dissociata  Per implementare la dieta dissociata si raccomanda di non mescolare cibi glucidi con proteine e da lì deriva il mito di non mescolare, che non ha senso biologico. Come sottolinea uno studio pubblicato da scienziati belgi, gli enzimi del nostro corpo agiscono simultaneamente e possono digerire carboidrati e proteine allo stesso tempo senza problemi.

Infatti, nella maggior parte degli alimenti nella loro forma naturale troviamo entrambi i nutrienti, come nel caso dei cereali integrali in cui ci sono carboidrati e anche proteine vegetali. D’altra parte, la dieta dissociata propone di aggiungere sempre in ogni piatto e accompagnando sia carboidrati che proteine qualche alimento neutro. Si consiglia inoltre di ridurre gli zuccheri e grassi.

Piatti concessi nella dieta dissociata

Per comprendere in che cosa consiste la dieta dissociata , nei menu troviamo opzioni come uova cotte con varie verdure, Oppure un piatto di zucchine al forno con uova o un’insalata di broccoli con uovo. Potremmo anche combinare pollo con verdure, gamberi, tacchini o altre carni con varie verdure. Importante è rispettare la premessa di combinare alimenti proteici con neutri ma non con glicidi.

Così, altri piatti da includere in una dieta dissociata sarebbero ad esempio alcune insalate di lattuga con manzo saltato, uno stufato di vitello e varie verdure, o un pollo al forno con insalata fresca di verdure verdi. È anche possibile combinare cibi chiari con neutri, in modo da poter preparare pasta di lenticchie rosse con pomodorini salati o un riso con broccoli. Anche se la realtà è che i menu di dieta più dissociati includono piatti a base di proteine e verdure, un motivo in più per cui queste diete promuovono la perdita di peso.

Si perde peso?

La maggior parte delle diete dissociate trovate su siti web, riviste e altri includono un menu chiuso in cui le calorie della dieta sono implicitamente ridotte o, inducono uno stato di chetosi che favorisce la perdita di peso.

Cioè, le diete dissociate favoriscono la perdita di peso producendo un deficit calorico o promuovendo l’assunzione di alimenti proteici senza carboidrati e quindi, stimolano la chetosi e la conseguente combustione dei grassi. Tuttavia, come uno studio pubblicato sul International Journal of Obesity sottolinea, la combinazione di alimenti non influenza la perdita di peso, in modo che le diete dissociate non funzionano perché dissociano gli alimenti, ma per altri fattori.

Meno sapori, meno si mangia

Tuttavia, la mancata combinazione di alimenti comporta il consumo di piatti meno vari, meno colorati e meno attraenti sia per il palato che per l’occhio. Tutto questo si traduce in un minor consumo di cibo poiché più sapori diversi ci sono in un pasto, meno sazietà si ottiene.

Inoltre, uno studio pubblicato su Physiology & Behavior osserva che i gusti che percepisce il palato sono strettamente legati alla sazietà e alla regolazione del peso corporeo. Una dieta meno desiderabile può favorire la riduzione dell’assunzione e quindi aiutarci a perdere peso. Indubbiamente il fatto che non mescoliamo carboidrati e proteine non ci farà perdere peso. E’ la riduzione calorica proposta dalla dieta dissociata, chetosi o monotonia e mancanza di appetibilità che fa davvero funzionare queste diete.

Effetti collaterali

Come in tutte le diete di moda o dove gli alimenti o le combinazioni sono proibiti, il rischio sono gli effetti collaterali. Diversi giorni senza ingerire carboidrati combinati con proteine possono dare origine a uno stato di ansia.

Allo stesso modo, la riduzione dell’assunzione di cibi che di solito caratterizza la dieta dissociata può anche aumentare il rischio di carenze nutrizionali. Come indicato dagli scienziati spagnoli. E poiché si tratta di diete inflessibili, la sua severità può causare lo stress nel corpo. Come dimostra uno studio pubblicato sulla rivista Appetite conclude.

E se a questo aggiungiamo che le diete dissociate non mostrano vantaggi quando si perde peso rispetto ad altre diete in cui carboidrati e proteine si combinano. Diventa chiaro che queste proposte possono comportare dei rischi senza che la loro efficacia sia dimostrata e pertanto la loro pratica non avrebbe alcun senso.

La scienza non supporta l’effettività delle diete dissociate per perdere peso, e le diverse proposte che rispettano le sue premesse non sono prive di effetti collaterali, quindi la sua pratica come quella di altre diete miracolose è sconsigliata.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *