Dieta dukan, tutto ciò che vorresti sapere

Funziona la dieta dukan?

La dieta dukan è probabilmente una delle diete più conosciute e pubblicizzate oggi. La dieta Dukan consiste in un piano basato sul consumo in massa di proteine, creato dal nutrizionista e dietologo francese, Pierre Dukan. Anche se Dukan ha promosso la sua dieta per più di 30 anni, la sua popolarità è cresciuta dal 2000. Questo metodo di perdita di peso è strutturato in quattro fasi: due per la perdita di peso e due per stabilizzarlo. Le persone che si uniscono a questa dieta possono mangiare solo 100 alimenti: 72 verdure ricche di proteine e 28 verdure raccomandate.

Le 4 fasi della dieta dukan

Le quattro fasi della dieta iniziano con la più forte e rigida fino a quando non si concludono con la più semplice: lo stabilizzatore, secondo Dukan.

Fase di attacco

Fase di attacco. È quello che offre risultati immediati. In questa fase l’utente può mangiare solo tutti i 72 alimenti proteici. Lo scopo di questo è quello di stimolare il corpo ad accelerate il metabolismo e sfruttare le riserve. Le proteine consentono quindi di mantenere la massa magra durante l’estrazione di energia dalla massa grassa.

In questo ciclo, che dura tra 2 e sette giorni, l’utente si devono perdere tra 1,5 e 4 chili. La dieta raccomanda di ingerire un cucchiaio e mezzo al giorno di avena e di eseguire 20 minuti al giorno di attività fisica.

Fase di crociera

Fase di crociera. In questa fase, ai 78 alimenti ricchi di proteine vengono aggiunti i 28 a base di verdure. Qui la perdita di peso continua anche se più lentamente (1 kg a settimana in media). In questa fase il consumo di proteine si alterna a giorni in cui è consentito mangiare proteine e verdure.

La durata di questa fase è impostata dall’utente: 7 giorni per ogni chilo che si desidera perdere. Nella fase di crociera Dukan consiglia di prendere due cucchiai al giorno di avena e di eseguire 30 minuti al giorno di attività fisica.

Fase di consolidamento

Quando l’utente ha raggiunto il peso equo che è stato proposto, il corpo non si è ancora abituato e tende a recuperare i chili che sono stati persi. In questa fase l’obiettivo è quello di evitare l’effetto di rimbalzo.

La durata di questa fase è di 10 giorni per ogni chilo che è stato perso. In questo momento il piano consente il ritorno di alimenti come cereali, riso, patate e derivati; pane integrale, frutta e alcuni altri pasti. Gli utenti dovrebbero dedicare un giorno alla settimana al consumo esclusivo di proteine, tipo il giovedì. In questa fase si consiglia di consumare 2,5 cucchiai di avena al giorno ed eseguire 25 minuti di attività sportiva.

Fase di stabilizzazione

Questa fase è la più importante per il successo di tutto il programma dal momento che la durata è per il resto della vita. In questa fase l’utente deve eseguire sempre tre azioni. Se una di loro non viene soddisfatta, Dukan avverte che il rischio è che l’utente recuperi peso. Le tre azioni sono: Ingerire tre cucchiai di crusca d’avena al giorno. Camminare 20 minuti al giorno e dimenticare gli ascensori. Continuare a mangiare solo proteine il giovedì.

Alcune controversie

Questa dieta è stata molto controversa e oggi in paesi come la Spagna non se ne raccomanda l’uso perché, sebbene riesca a ridurre il peso in breve tempo, aggrava il rischio metabolico, può implicare deficit vitaminici e minerali, malnutrizione proteica e incoraggiare i disturbi alimentari. Nel caso della Spagna, il Ministero della Salute disapprova il metodo per i suoi potenziali rischi per la salute e la bassa efficacia contro l’obesità.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *