Dieta per il fegato intossicato, come depurarlo

Una ottima dieta per il fegato intossicato

Quando il fegato è sovraccarico da superlavoro (cattiva dieta, sostanze tossiche…) tutto il tuo corpo soffre. Ecco perché è importante mantenere una dieta equilibrata e una vita sana in modo che il nostro fegato possa funzionare correttamente. Il fegato è la chiave per rimuovere le tossine rimanenti dal corpo. Prenditi cura di esso e ti sentirai più leggero e più sano. Ora vedremo una ottima dieta per il fegato intossicato.

Una dieta per il fegato intossicato

Per prendersi cura del tuo fegato sovraccarico è necessario farlo con una dieta leggera, a basso contenuto di grassi e ricca di verdure. Soprattutto…

  • Asparagi, broccoli, crescione, cavoli, cavoletti di Bruxelles, aglio e cipolle perché sono una fonte di glutathione. Questo composto è un potente antiossidante che protegge le cellule del fegato dalle aggressioni causate da radicali liberi, alcol o uso di droga a lungo termine.
  • Papaia e avocado, così come spezie come cumino e cannella aiutano anche il corpo a produrlo. Questi sono alimenti che non possono mancare nella vostra dieta se si vuole avere un fegato sano.
  • Vitamine B1, B6 e acido folico (verdure a foglia verde, legumi, cereali integrali, noci…) e vitamina B12 (carni a basso contenuto di grassi, pesce e latticini scremati) sono essenziali per gli enzimi epatici per svolgere le loro funzioni.
Alimenti nocivi per il fegato

Abbiamo parlato di alimenti che ci aiutano a preservare la salute del fegato, ma ci sono anche alimenti e abitudini dannose per il fegato. Non si dovrebbe sovraccaricare il fegato con troppi grassi trans e saturi; né con zuccheri, farine raffinate, carboidrati complessi, o additivi. Inoltre, l’eccesso di questi alimenti porta all’obesità che, secondo uno studio dell’Università della California di Los Angeles (USA), accelera l’invecchiamento del fegato.

Si dovrebbe anche evitare le bevande alcoliche perché possono deteriorare, così come alcuni farmaci. Prima di assumere integratori di vitamina A, D ed E, parlare con il medico; egli può guidarvi con la vostra storia medica e le esigenze nutrizionali.

Menu bilanciato per il fegato

Oltre alle verdure ricche di glutathione o vitamine del gruppo B, è nel tuo interesse: Aggiungere aglio, cipolla o curcuma alle insalate o ai piatti. Potresti fare anche una buona integrazione di curcuma che ti aiuterà non solo a togliere l’infiammazione dal fegato ma ogni tipo di infiammazione dal tuo corpo. Sono alimenti epatoprotettivi. Prendere verdure a foglia verde come spinaci, bietole o carciofi; lattuga come scarole, verdure a stelo come cardo o sedano, germogli… Utilizzare l’olio di oliva vergine, sia crudo che da cucina. Il suo acido oleico, la vitamina E e i polifenoli proteggono il fegato.

Alcuni consigli per riequilibrare il fegato

Se desiderate prendervi più cura del vostro fegato, è possibile incorporare alcune raccomandazioni nella vostra dieta quotidiana. Ecco alcuni esempi di menu ideali per coccolare il fegato per una settimana.

Giorno 1

Colazione: infuso di Boldo – Pane tostato intero con pomodoro e petto di tacchino – Mandarini.
Metà mattina: yogurt scremato e una manciata di noci.
Pranzo: indivia ripiena di avocado e cipollotti – branzino al forno con patate al forno , mela arrostita con cannella.
Snack: frullato di Papaia con bevanda vegetale.
Cena: carciofi al vapore con vinaigrette al limone e prezzemolo – frittata di bietole con cipolla e carota – yogurt scremato.

Giorno 2

Colazione: latte scremato – Mezzo panino intero con lattuga e prosciutto crudo- succo d’arancia fatto in casa.
Metà mattina: cagliata con uvetta e pinoli.
Pranzo: Piatto unico: Ceci con riso integrale, verdure di stagione e curcuma – yogurt scremato con melograno.
Snack: pasto intero con paté vegetale.
Cena: crema di sedano e cavolo con patate e cumino – pesce al vapore con insalata di rucola, avocado e germogli di patatine – Pera.

Giorno 3

Colazione: infusione di tarassaco – ciotola di fiocchi d’avena con pinoli e bevande vegetali – Mandarini.
Metà mattina: papaia e yogurt scremato.
Pranzo: insalata di maccheroni con lattuga, sedano e ravanelli – Tacchino con uva passa e prugne – ananas naturale.
Snack: mela arrosto con mandorle.
Cena: zuppa di cipolle con pane intero – Uovo al piatto con cavoletti di Bruxelles, cumino e salsa di pomodoro – yogurt scremato.

Giorno 4

Colazione: latte scremato – mini-sandwich intero con pomodoro e petto di tacchino – succo d’arancia fatto in casa.
Metà mattina: yogurt scremato e una manciata di noci.
Pranzo: Fagioli bianchi in umido con zucca, fagiolini e curcuma – papillote di sgombro con porri e zucchini- yogurt scremato.
Snack: pasto intero con paté vegetale.
Cena: asparagi verdi alla griglia con aglio tritato e prezzemolo – cosce di pollo arrosto con patate – Banana.

Giorno 5

Colazione: camomilla – fiocchi d’avena con uvetta e bevande vegetali – mandarini.
Metà mattina: succo di sedano, carota e mela.
Pranzo: insalata di scarola con rapanelli, pera e avocado – Coniglio con patate e funghi – sorbetto al melograno (edulcorato con stevia).
Snack: yogurt scremato con 4 noci.
Cena: crema di spinaci con crostini- nasello al vapore con insalata catalana (melanzane, cipolla e pepe arrosto) – yogurt scremato

Giorno 6

Colazione: latte scremato – Mezzo panino integrale con rucola, pomodoro e formaggio fresco – Succo d’arancia.
Metà mattina: frullato di papaia con bevanda vegetale.
Pranzo: melanzane ripiene di verdure e riso integrale – salmone al forno con peperoni – crema di mango con yogurt scremato.
Snack: pasto intero con paté vegetale.
Cena: broccoli al limone e prezzemolo – Pane tostato intero con porro e asparagi – mela arrostita con cannella.

Giorno 7

Colazione: infuso di Boldo – Pane tostato intero con formaggio cremoso- Mandarini.
Metà mattina: succo di sedano, carota e mela.
Pranzo: insalata di scarola con crescione e avocado – Pollo in umido con verdure e riso integrale – Ananas, pera e mango.
Snack: pera tostata con cannella e pinoli.
Cena: patatine fritte e mandorle – Lingua ai funghi – yogurt scremato.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *