4 veleni bianchi, che è meglio evitare

Conosci i 4 veleni bianchi?

Conosci i 4 veleni bianchi che ogni giorno inseriamo nella nostra dieta alimentare? Se la risposta è no, allora continua a leggere perché ne va della tua salute. Naturalmente stiamo parlando di alimenti. Chi conosce il nostro blog Vita Salutare sa che generalmente appoggiamo il concetto espresso molti anni fa da Ippocrate, “che il vostro cibo sia la vostra medicina”.

Infatti su questo blog troverete decine di articoli dove scriviamo su alimenti che sono un vero toccasana, che ci curano e ci mantengono in salute. Ma purtroppo ci sono anche dei cibi dai quali è meglio stare alla larga, ed è in questa categoria che rientrano i 4 veleni bianchi accennati prima. Vediamo quali sono i 4 veleni bianchi.

Indice dei contenuti

Il Latte

Il latte, contrariamente a ciò che ci raccontano da anni, non solo non fa bene ma è pure dannoso per la nostra salute. Le ragioni sono numerose. Per approfondire, vi rimando a questo articolo sul latte che abbiamo scritto tempo fa. In linee generali possiamo dire che il danno più grande il latte lo produce acidificando il sangue, cioè abbassando il nostro PH ogni volta che lo beviamo. Appena nati siamo dotati di un’enzima chiamata lattasi. Questa sostanza rende possibile la corretta digestione del latte nel nostro organismo. Dai 18 mesi di vita in poi l’enzima inizia a ritirarsi per scomparire completamente verso i 2 anni.

Questo significa che da quell’età in poi tutti noi diventiamo chi più chi meno, intolleranti al latte. Quando si beve il latte, non lo si digerisce bene, rimangono delle trecce di questa bevanda che vanno ad annidarsi nelle pieghe dei nostri intestini. Fermentando rendono acido il nostro PH. Come voi sapete un’organismo acido è l’humus ideale per la proliferazione di numerose malattie, compresi i tumori. Questo è solo uno degli aspetti negativi del latte. Potete approfondire qui. Ci sono in commercio comunque tanti sostituti del latte, molto più nutritivi e salutari. Bevanda alla soia, all’avena, al’latte di mandorle, di cocco, ecc

Farina di grano

Migliaia di persone nel nostro paese soffrono di celiachia. E quindi queste persone sono allergiche al glutine, quindi a tutti i piatti prodotti con la farina di grano. Queste persone devono escludere dalla loro dieta, pizza, pasta, pane, cornetti, e qualunque altro manufatto venga prodotto con la farina di grano. Quello che molti non sanno invece, e che abbiamo già spiegato in un articolo precedente, è che mangiare senza glutine fa bene a tutti! In altre parole, secondo ricerche recenti, al meno il 70% della popolazione, è sensibile al glutine. Anche se non è celiaco.

Il glutine contenuto nella farina di grano, infatti, a contatto con l’acqua, forma una sostanza “collosa” ed elastica, e si gonfia fino a raggiungere quasi il doppio della sua massa. Questo fa si che nella stragrande maggioranza delle persone il glutine sia indigesto. In chi non è celiaco non arriva a provocare delle micro ferite all’intestino ma si arriva a produrre un’intensa irritazione. I sintomi se ci fate caso sono molto comuni e potresti manifestarli pure voi.

Flatulenza, meteorismo, mal di testa frequenti, continui gorgoglii nella pancia, ecc. Basta interrompere il consumo di prodotti contenenti glutine, e nell’arco di qualche settimana, i disturbi spariscono. Se comunque non potete fare a meno di mangiarvi un piatto di pasta, ci sono degli egregi sostituti della pasta fatta con il grano. Pasta di mais, di grano saraceno, di farina di avena, ecc, ecc

Lo Zucchero

Lo zucchero oltre che dannoso è un’alimento perfettamente inutile, che non apporta nessun nutriente importante all’organismo. Abusarne nella dieta può determinare l’insorgenza o l’aggravamento di alcune patologie; tra le varie: carie dentaria, sovrappeso o obesità, ipertrigliceridemia, iperglicemia e diabete mellito tipo 2, steatosi epatica alimentare ecc.

Sopratutto se parliamo dello zucchero raffinato. Quando si parla di zucchero che fa male alla salute comunque, si intendono il classico zucchero bianco e i carboidrati semplici presenti nei dolci e nella farina bianca. I carboidrati complessi vengono, invece, metabolizzati in modo completamente diverso e sono fonti di energia utili e salutari. E’ molto più salutare aggiungere un mezzo cucchiaino di miele al vostro caffè o te. No assoluto alle diverse saccarine e dolcificanti sintetici. Fanno ancora più male.

Il sale

Il sale, sopratutto se in quantità oltre i 4-5 grammi al giorno, può crearci molti problemi. Può aumentare spropositatamente la quantità di calcio nei reni, causandone un malfunzionamento. Può irritare lo stomaco. E’ nocivo per chi soffre di ipertensione ma più in generale lo è per il funzionamento del sistema cardiovascolare. Il consumo a lungo di sale, irrigidisce le nostre arterie, con il rischio di malattie del cuore e del cervello che ciò può comportare.

Il consiglio se vuoi avere una buona salute è di escludere il sale aggiunto dai tuoi piatti. E’ vero che può essere molto difficile riuscire a smettere di usare il sale a tavola. All’inizio gli alimenti ti sembreranno insipidi ma pian piano ti abituerai a usare le spezie e il limone al posto del sale. Tempo una settimana non vorrai più il sale. Le tue papille sentiranno il vero sapore degli alimenti.

Conclusioni

Se vogliamo essere sani ed evitare numerosi fastidi e disturbi, allora un piccolo sacrificio iniziale escludendo questi 4 veleni bianchi dai nostri piatti, varrà la pena. Questi sono solo alcuni degli alimenti dannosi che è meglio evitare. Ne esistono molti altri. E voi ne conoscete altri alimenti dannosi?

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *