Esempi di colazione anti cellulite

colazione anti cellulite, come prepararla

La domanda sorge spontanea. Esiste una colazione in grado di aiutarci a perdere qualche chilo, e asciugare il liquido in eccesso che il nostro organismo tende ad immagazzinare? Se la risposta a questa domanda è positiva, allora siamo davanti ad una vera e propria colazione anti cellulite!

Colazione anti cellulite. Premessa

La dietologa France Guillan, nel suo libro, il metodo Guillan assicura che il regime alimentare da lei creato può essere considerato una vera e propria colazione  anti cellulite! Comunque di diete, unguenti e creme contro la cellulite c’è solo l’imbarazzo della scelta. Basta dare uno sguardo a questa pagina per capire di che cosa stiamo parlando.

Premettiamo però che non vi stiamo proponendo il solito metodo o dieta anti cellulite, miracolosi. Sappiamo tutti che questi metodi hanno poco o niente di miracoloso. Quelli che oggi vogliamo suggerirvi, sono degli esempi di colazione anti cellulite.

Come abbiamo scritto all’inizio di questo post, se scegliamo gli alimenti giusti, possiamo crearci una ricca e sana colazione. Inoltre ci aiuterà ad assorbire l’acqua in più, responsabile della cellulite.

La colazione di cui scrive la famosa dottoressa France, è stata creata sulla base di un composto naturale chiamato  Miam-Ô-Fruit. E’ l’ideale per chi vuole uno stile di vita sano, perdendo qualche chilo e mantenendo i risultati nel tempo. Ha notevoli effetti sull’organismo, sulla pelle, sui capelli, sulle ossa e sulla linea. Vediamo insieme come è composta questa colazione anti cellulite.

Colazione anti cellulite. Ingredienti

– Una o mezza banana: l’importante è che venga schiacciata con una forchetta finché non diventa liquida e cambia colore. Deve infatti ossidarsi per passare dallo stato di amido a quello di proteine vegetali, quindi meglio digeribile. La banana perché: è ricca di serotonina, antidepressivo naturale, di potassio, drenante naturale, è un ottimo frutto riparatore della flora intestinale e non è soggetto a intolleranze.

– Olio: deve essere di lino biologico, ricco di Omega 3 o di sesamo, ricco di calcio. No all’olio di oliva, da riservare agli altri pasti. L’olio, due cucchiai, deve essere emulsionato con del succo di limone.

– Succo di limone: mezzo limone o un cucchiaio, appena spremuto, ricco di vitamina C, libera l’olio dai radicali che quest’ultimo cattura nello stomaco

Questi ingredienti hanno i nutrienti di cui hai bisogno

– Semi oleosi, ovvero frutta secca: tre cucchiai composti da noci, nocciole, mandorle, semi di girasole e di zucca, anacardi, pinoli… Ricchi di omega, possono essere lasciati interi o frullati grossolanamente

– Frutta fresca: se ne consigliano tre tipi a seconda delle stagioni. La frutta aiuta gli anti-ossidanti a compiere il loro lavoro per consentire all’organismo di assorbire vitamine, sali minerali e tutte le sostanze utili al buon funzionamento. Si consiglia di inserire sempre mezza mela perché contiene fibre non-solubili, perfette per eliminare i grassi superflui e inibire l’appetito.

– Miele: si può aggiungere oppure no, ma si sposa bene con la frutta secca

– No invece alla frutta essiccata come fichi, uvetta, albicocche, ananas e mele disidratate

Come si consuma? In una ciotola, disporre la banana sul fondo e posare sopra la frutta fresca e poi quella secca con l’olio emulsionato. Si può anche frullare. Va mangiato al mattino ma è perfetto anche come sostituto del pranzo o a merenda. Non mi resta che salutarvi. Provatela e ditemi se notate dei cambiamenti. Per farla funzionare, però dovrete assumerla tutto l’anno. Questo è solo uno dei tanti consigli alimentari che trovate sul nostro blog!

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *