Il potere curativo dei gatti, come beneficiarne

Scopri il potere curativo dei gatti

Vivendo in un mondo molto agitato, le persone sono alla ricerca di modi per rilassarsi, per condurre vite più tranquille. Nel ventunesimo secolo, si potrebbe pensare che tutto sia già stato scoperto, ma anche così, ci sono cose che vale la pena riscoprire. Un esempio del secondo caso è Il potere curativo dei gatti, che fa parte di una nuova disciplina sanitaria chiamata zooterapia. Uno strumento sempre più popolare per aiutare il benessere delle persone attraverso la compagnia di questi simpatici animaletti.

Da secoli, il gatto fa parte della famiglia umana

Gli esseri umani contano sulla compagnia di animali domestici da millenni. Oltre all’allevamento di animali da campo per il sostentamento alimentare (carne, latte), abbigliamento, alcune specie hanno raggiunto un rapporto più intimo con gli esseri umani. Un chiaro esempio di ciò è il gatto domestico. Di lui si hanno i primi indizi della sua presenza nel sud dell’Egitto, intorno al 3000 a.C.

Venivano considerati delle divinità

Come conferma questo articolo, erano bei tempi per i gatti, perché erano considerati delle divinità, con il potere di scacciare il male. Si diceva che potevano “vedere tutto”. Misticismi a parte, le loro piccole dimensioni, l’autosufficienza e l’istinto predatorio, li rendevano la compagnia ideale per i commercianti. Li portavano nei loro viaggi in tutto il mondo, avevano bisogno di proteggere i loro beni da ratti e altri parassiti. Nel corso del tempo, questo è il modo in cui il gatto è arrivato poi a tutti noi, alla fine dividendosi in più di 40 specie diverse.

Il potere curativo dei gatti

Il gatto è un animale molto autonomo, al di fuori di un controllo veterinario di routine, devi solo dargli spazio, cibo, acqua e coccole. Il rapporto con un gatto può essere definito come un “patto di amore reciproco”, dove ciascuno aiuta l’altro, senza raggiungere dipendenza o disagio. Perché anche se coccoloni e calmi, sono esseri viventi che hanno molto chiaro ciò che non gli piace.

In che modo giovano alla salute?

Avendo chiare queste semplici regole per una sana convivenza, che cosa fanno specificamente per considerarli terapeutici? Da un lato, il morbido della sua pelliccia produce sensazioni piacevoli quando lo accarezzi, e non solo per l’animale ma anche per l’uomo, qualcosa che si riferisce psicologicamente a una sensazione di comfort e sicurezza, diminuendo il livello di pressione arteriosa e normalizzando il battito cardiaco. In questo articolo parliamo di un caso reale di guarigione di un bambino grazie al suo gatto.

Ecco il potere curativo dei gatti

Le sue fusa, hanno la capacità di promuovere il buon umore, e calmare gli stati d’animo nervosi o stressati, e anche accelerare la guarigione ossea. Questo perché la frequenza in cui vibrano (da 25 a 50 hertz) mentre passa attraverso il canale uditivo, dall’ippocampo all’amigdala, stimola il rilascio di serotonina, noto anche come “ormone della felicità”, e anche legato ai cicli del sonno , libido, e buon umore. Si dice anche che questa vibrazione armonizza il corpo, causando una rigenerazione più ordinata del tessuto osseo grazie a un maggiore stato di rilassamento.

I gatti ci aiutano a stare bene con noi stessi

In generale, la vicinanza di un animale domestico, quella presenza che c’è e si limita ad accompagnarti, aiuta i malati a superare la convalescenza ed anticipa la loro guarigione. Vivere con un gatto ci aiuta a capire e ad accettare noi stessi, perché non giudicano, non mentono, non discriminano, e scambiano a modo loro l’affetto che ricevono. Sono una presenza che non ci consuma, ma che ci fa interagire con qualcuno, in un modo che è liberatorio e permette l’auto-riflessione.

Particolarmente consigliato agli anziani

Ovviamente, lo scopo della compagnia felina non è quello di curare completamente qualsiasi grave problema fisico o psicopatologia, ma  portare buone dosi di felicità, soprattutto a coloro che soffrono di una vita solitaria o isolata, come ad esempio bambini autistici o gli anziani che vivono in case di cura. Quest’ultimo caso è notevole, perché attraverso la stimolazione di ricordi e sensazioni, di memoria remota, ed eseguendo le coccole e persino parlando con il gatto, aiuta a ritardare un po ‘la degenerazione della qualità neurale.

Commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *