Celiachia quali sintomi

Celiachia sintomi e cure

La celiachia è un disturbo molto diffuso, e la scoperta precoce dei suoi sintomi, può aiutare non poco nella corretta cura della malattia. Ma qul’è l’origine della malattia e quali sono i sintomi della celiachia che dovrebbero essere un campanello d’allarme?

Come si origina la celiachia

La celiachia è una malattia digestiva che danneggia l’intestino tenue e altera l’assorbimento di vitamine, minerali e altri nutrienti contenuti negli alimenti.

I pazienti che ne soffrono non tollerano una proteina chiamata glutine, che si trova nei cereali (grano, avena, orzo, segale). Quando prendi alimenti che contengono glutine, il tuo sistema immunitario risponde e si verifica un danno alla mucosa dell’intestino tenue.

L’alterazione dell’assorbimento del cibo porta alla malnutrizione, sebbene venga mantenuta un’adeguata assunzione. C’è anche una componente genetica, quindi è più frequente in alcune famiglie.

Celiachia e sintomi comuni

C’è una grande variabilità nei sintomi e non ci sono sempre sintomi concretamente digestivi. I sintomi presentati dai pazienti con celiachia dipendono dallo scarso assorbimento dei nutrienti contenuti nella loro dieta. Può verificarsi uno dei seguenti sintomi (combinati o isolati):

  • Diarrea cronica.
  • Perdita di peso.
  • Feci abbondanti e grasse.
  • Anemia inspiegabile.
  • Dolore addominale ricorrente.
  • Meteorismo.
  • Dolori ossei e articolari.
  • Crampi muscolari.
  • Stanchezza.
  • Crescita rallentata.

Celiachia senza sintomi

Alcune persone con celiachia non riportano alcun sintomo, perché la parte danneggiata del loro intestino è in grado di assorbire abbastanza nutrienti per prevenire i sintomi.

La vere cause della celiachia

La causa dell’intolleranza celiaca è sconosciuta, ma è probabilmente dovuta a:

  • Suscettibilità genetica all’intolleranza.
  • Agenti ambientali, probabilmente infezioni virali o altre infezioni.
  • Associazione con altre malattie autoimmuni che sono anche prodotte dalla combinazione di suscettibilità genetica e infezioni.

Diagnosticare la celiachia

I pazienti con malattia celiaca hanno livelli elevati di anticorpi contro il glutine (anticorpi anti-gliadina, anti-endomisistali, anti-reticoloina e anti-transglutaminasi). Se i livelli di questi anticorpi nel sangue sono elevati, il modo per confermare la malattia è studiare una biopsia della mucosa dell’intestino tenue.

Come si cura la celiachia

L’unico trattamento per la celiachia è quello di evitare tutti gli alimenti che contengono glutine, anche in quantità minime. Questi alimenti dovrebbero essere evitati per tutta la vita. Ci sono molti alimenti che contengono glutine e questa proteina è presente anche in molti additivi di prodotti insaccati.

Una volta stabilita la dieta priva di glutine, il recupero potrebbe non essere immediato e le biopsie duodenali potrebbero richiedere fino a 2 anni per essere completamente normali. All’inizio del trattamento, oltre alla dieta priva di glutine, di solito si associano integratori alimentari di vitamine o minerali in cui vengono rilevati deficit per favorire un recupero più veloce.

Una piccola percentuale di pazienti celiaci non migliora come previsto con la dieta priva di glutine e richiede altri trattamenti farmacologici associati. Questi pazienti hanno maggiori probabilità di sviluppare complicanze della malattia.

Quali alimenti senza glutine?

Esistono in commercio una miriade di alimenti senza glutine per chi è affetto da celiachia. Nei supermercati ne troviamo in abbondanza. Vanno scelti accuratamente però. Molti di questi alimenti riportano l’etichetta gluten free ma non sempre è così. Abbiamo preparato una lista di alimenti senza glutine a cui potresti dare un’occhiata.

Alimenti senza glutine

Commenta con Facebook

This product was presentation was made with AAWP plugin.

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *